Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando OK, o navigando qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.
  • Theobalds Court
  • Sidell Gibson
  • Londra 1998

Il progetto a Theobalds Court fa parte di un intervento di riqualificazione di una porzione di città non particolarmente attraente come qualità edilizia. Il progettista, Siddell Gibson, è stato incaricato di restituire pregio e qualità ad alcuni edifici con almeno quaranta anni di vita, in modo da attrarre possibili investitori e affittuari.

L'edificio oggetto di riqualificazione è stato ripensato in termini di facciata ed è stato dotato di un grande atrio centrale, caratterizzato da un sistema di ventilazione naturale "a camino", che permette una migliore aerazione degli ambienti nel rispetto dei vincoli di sostenibilità ambientale.

La piazza privata

L'atrio si sviluppa su più livelli, comprendendo anche ballatoi delimitati da parapetti in vetro stratificato agganciati a una struttura in acciaio. Lo scopo è stato quello di creare un ambiente dal carattere "esterno" ma rovesciato verso l'interno, una sorta di piazza privata.

 

A più livelli

Il grande atrio con copertura trasparente e la sequenza di passerelle con pavimentazione in vetro sono alcuni dei tratti distintivi del progetto. L'intero atrio è stato rivestito con un sistema di pareti mobili con telaio in estrusi in alluminio che ospitano pannelli vetrati e pannelli rivestiti in marmorino.

La luce in piazza

Il grande "cielo" vetrato convoglia l'illuminazione naturale nella piazza centrale dell'edificio. Nel sistema di rivestimento sono stati comunque previsti dei supporti per l'illuminazione artificiale, che contribuiscono comunque ad articolare il disegno della "facciata" interna.