Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando OK, o navigando qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.
  • Cesce
  • Trasvalor
  • D. Fernando Borrego (Interior Design)
  • Madrid 2007- 2008

Cesce è una società nata nel 1970, di proprietà dello Stato e dalle maggiori banche e compagnie assicurative del paese, che opera fornendo servizi assicurativi alle imprese contro i rischi di insoluto e sia nei mercati nazionali che esteri. Per la sede di Madrid sono state installate pareti divisorie a vetro singolo, a vetro doppio e attrezzate con sopraluce vetrato.         

Il concept alla base del progetto d'interni della nuova sede in Calle Serrano si basa sulla simulazione di conci di pietre sovrapposti mediante l'applicazione di pellicole adesive in vinile sulle pareti e la fresatura delle porte. L'effetto finale è di un ambiente fortemente dinamico dove le geometrie delle superfici si fondono alle cromie dei rivestimenti.

 

 

 

Pietra su pietra

Nella sede sono state installate pareti divisorie a vetro singolo della serie P600, rivestite con pellicole adesive che simulassero il motivo di una serie di conci di pietra sovrapposti e coordinati come cromia al rivestimento della pavimentazione.

Corridoi disegnati

Il disegno della parete monovetro è richiamato dalle antistanti pareti cieche che delimitano i corridoi, grazie alle fresature delle porte e alla tessitura tridimensionale delle superfici, una soluzione che coniuga la necessità di schermare alla vista con quella di rendere più dinamico l'ambiente.

Cromie coordinate

Lo stesso tipo di soluzione è stato adottato in tutti i corridoi e le zone di circolazione, variando le cromie di base e coordinando il disegno della parete alle tinte della pavimentazione, e segnalando con serigrafie a tutt'altezza il numero di piano nella zona di sbarco degli ascensori.